giovedì 18 dicembre 2014

Lo strepitoso Giannelli di oggi.

Era da tempo che non graffiava così.


Il Diretùr su Napolitano e Berlusconi.

“Napolitano sente la necessità, per un sistema sfibrato, di arrivare ad un approdo sul terreno delle
riforme”.
 

Gli auspici del Diretùr al capo dello Stato.

“Le pistole politiche di Berlusconi in questo momento sono scariche”. 

Il Diretùr è lapidario

Entrambe le frasi sono tratte dalla Reunio di ieri.


Vita di Redazione 870. Alessandra Vitali e la sua collana (quasi) tricolore.

VITA DI REDAZIONE del 17 dicembre 2014
Durata: 10'40”

Il regista Giorgio CARUSO, dopo aver impartito le necessarie istruzioni al cast, si dirige verso la postazione di lavoro. Intanto fa capolino Irene Maria SCALISE per la puntuale distribuzione dei pizzini che, una volta terminata, le permette di rifiatare in tribuna Ovest.




Sembra un atlante di scienze naturali quello che sta sfogliando Ilaria ZAFFINO.





Valentina DESALVO sta preparando il “timone”, sempre molto impegnativo. Il pennarello di una nota marca ha quasi le stesse tonalità del maglioncino leggero che indossa.



Luca FRAIOLI produce lo stesso sconcerto del san Pietro dello spot Lavazza. Più ringiovanito non sembra neppure lui.


Alessandra VITALI sarebbe stata italianamente perfetta con un terzo giro di collana di pietre bianche.




Secondo noi Zagor appartiene ad Alessio SGHERZA, che oggi non c'è perché c'è Giuseppe SMORTO.





NOTE A MARGINE

1. I primi della classe sono oggi: Sebastiano MESSINA, Francesco BEI (con il retroscena) e Stefano FOLLI.

2. Carlo CHIANURA costituisce la sorpresa nella fase uno (apertura).


IL PISTOLOTTO (in grassetto la durata di quello odierno)


1. 11'46” 24/11 (10'46”+1')

2. 10'52” 4/12

3. 10'25” 4/11

4. 10'21” 30/09

5. 9'51” (7'48”+ 2'03”) 10/12

6. 9'34” 17/09

7. 9'06” 23/10

8. 8'58” 18/11

9. 8'36” 24/10

10. 8'31” 3/10

11. 8'18” 23/09

12. 8'17” 25/11

13. 8'07” 21/11 (4'31+3'36”)

14. 8'03” 20/10

15. 8'02” 3/12

16. 7'53” 25/09

17. 7'48” 12/12

18. 7'47” 8/09

19. 7'45” 17/12


LE PRESENZE AUDIO-VIDEO (in rosso i titolari di oggi)

GIANCARLO MOLA 17
MARCO PATUCCHI 17

STEFANIA DI LELLIS 16

PIETRO VISCONTI 15

CARLO CHIANURA 13

CLAUDIO TITO 12

CONCETTO VECCHIO 10

MATTIA CHIUSANO 9
LUCA IEZZI 9
LUCIO LUCA 9
MARCO MATHIEU 9
ALBERTO MATTONE 9
MARCO RUFFOLO 9

RICCARDO LIGUORI 8
FRANCESCO MIMMO 8
LAVINIA RIVARA 8

ROBERTO BRUNELLI 7
ANGELO LUPOLI 7


LE FRASI DEL GIORNO

“Napolitano sente la necessità, per un sistema sfibrato, di arrivare ad un approdo sul terreno delle
riforme”.
 

Gli auspici del Diretùr al capo dello Stato.

“Le pistole politiche di Berlusconi in questo momento sono scariche”. 

Il Diretùr è lapidario



Visto, si stampi
@Frank201410

Ciao Virna, che la terra ti sia lieve.

La notizia della morte di Virna Lisi è la notizia di apertura di repubblica.it.

Giusto così, di fronte ad una bellezza del cinema che se ne va, non ci sono muri crollati, rubli svalutati e presidenti da sostituire che tengano.

Ciao Virna, che la terra ti sia lieve.




#tuttipossonosbagliare aiuta anche tu Andrea Signorelli.

Andrea Signorelli è un giornalista freelance trentenne. Ha scritto un articolo e ha commesso un errore. Ha confuso un politico con un altro. Ha scritto, in un articolo sul finanziamento pubblico ai partiti, un rigo in cui si diceva che Nitto Palma era coinvolto in un processo. Sbagliato: non era lui ad esserlo. Il lavoro giornalistico, oggi, richiede spesso fretta nell’esecuzione e un errore può capitare.

Nessuno ha chiesto la rettifica, Nitto Palma ha semplicemente querelato Andrea per diffamazione: era un suo diritto farlo, funziona così.

Il pezzo è stato corretto dopo la querela, sono state fatte le scuse, si è spiegata la situazione. Nessuna linea difensiva è servita per far capire che si era trattato di un errore che può capitare a tutti e che bastava chiedere la rettifica perché si correggesse immediatamente.

Così, per evitare di finire in tribunale, Andrea ha dovuto risarcire chi si riteneva danneggiato con 8.000 euro. Che, per un giornalista freelance, sono proprio tanti. 

Siccome #tuttipossonosbagliare, è stato lanciato un crowdfunding per aiutare Andrea a coprire questa spesa.

Io e Frank abbiamo fatto la nostra offerta. E voi?

FS

Repubblica in aramaico.

Ci è arrivata da un lettore anonimo la segnalazione molto molto arretrata (9/12 a pag. 59) dell'ennesimo caso di utilizzo dell'aramaico su Repubblica.


Prime pagine che entreranno nella storia.




















I feticismi di oggi, parte seconda.

Parziale riscatto delle interviste di Repubblica: oggi sono 10. Bene, avanti così. O no?

A pag.23 esordio (?) in Nazionale per il torinese Fabio Tanzilli.

Piero Colaprico e Paolo Berizzi confermatissima coppia sulla condanna a 16 anni di Alberto Stasi nel processo di Garlasco.

Il calembour del giorno è il titolo del pezzo di Nicola Lombardozzi che apre R2 (foto).

Da segnalare nella Cultura, le conversazione di Oscar Wilde e un Franco Cordero, d'annata.

Osservatorio inviati: Francesco Saverio Intorcia a Carpi per il sogno promozione di un'intera città.


Osservatorio interviste: oggi 10.

Interviste di oggi 10, inserti esclusi (ieri 4 - record 14)

- Omero Ciai a Ana Fernandez, mamma di un esule cubano

- Enrico Franceschini a Frederick Forsyth, scrittore

- Giovanna Casadio a Vannino Chiti, senatore Pd

- Carmelo Lopapa a Giovanni Toti, eurodeputato di Forza Italia

- Tommaso Ciriaco a Mauro Lusetti, capo della Legacoop

- Lucio Cillis a James Hogan, numero uno di Etihad

- Paolo Griseri a Stefano Esposito, senatore

- Fabio Tanzilli a Alberto Perino, leader No Tav

- Piero Colaprico a Rita Poggi, mamma di Chiara

- Enrico Currò a Giacomo Bonaventura, giocatore del Milan

Bucchi di giornata.

Fresco fresco dalle colonne di Repubblica. E dove, altrimenti?

Il feticismo del giorno: la prima grana di Tomaso Montanari.

Nella pagina delle lettere di oggi.

I feticismi di oggi, parte prima.

Apertura di sfoglio obbligata sullo storico accordo tra USA e Cuba. Sei pagine da ritagliare e conservare per i nipotini. E da leggere magari fumando un bel Cohiba ascoltando Bob Dylan.

Il più contento di tutti è l'americalatinista di Largo Fochetti, inviato a Miami per raccogliere le impressioni dei diretti interessati (foto). Ci aspettiamo, domani, un bel reportage dall'Avana. Se non fosse per l'embargo...

E poi arriva la politica, che tristezza. Ma trovare il nome di Annalisa, ci ritira su.

A pag. 18 si ritorna sulla strage di Peshawar con un bel racconto della scrittrice indiana Anita Nair.

Sempre meno spazio a #MafiaCapitale: oggi solo la pag.22.

Mi manda Silvio.

Il Breviario di oggi di Gianluca Luzi.

Osservatorio incipit.

Quello di oggi di Omero Ciai da Miami, merita la segnalazione.

Ellekappa sull'accordo Usa-Cuba.

Oggi su Repubblica.

Fate uno sforzo, comprate (anche) il manifesto.

Oggi, oltre a Repubblica, comprate il manifesto. Costa 20 euro, ma servono per far si che la storica testata della sinistra non muoia.