sabato 30 aprile 2016

Il direttore #Calabresi e i tifosi #calabresi: la curiosa serata di Twitter.

Serata movimentata per il nuovo direttore di Repubblica Mario Calabresi che su Twitter è stato classificato da molti come "zerbino di Renzi" dopo la sua ospitata a Otto e mezzo di Lilli Gruber. 

Ieri sera infatti l'hashtag #calabresi era tra le tendenze di Twitter, dato fagocitato anche dalla promozione in serie A del Crotone i cui tifosi sono, appunto, calabresi.

Tra i tanti tweet contro Marione abbiamo scelto di proporvi quelli di Renato Brunetta e di Claudia Joy.





InstantRep: il giornale in 10 immagini (30-04-2016).










L'anagramma di Bartez: Denis Verdini.

Le vignette di oggi: tra passati remoti e calembour.


La prima di oggi.

venerdì 29 aprile 2016

Complimenti al Crotone, promosso in serie A.

Il feticismo.

Per il decimo compleanno di PPR, che cade proprio in questi giorni, vi regaliamo gli appunti scritti a mano questa mattina dal Feticista Supremo durante il primissimo sfoglio del numero di oggi di Repubblica.

Appunti che sono poi serviti per i Feticismi e i Ritagli del giorno.

Auguri a me stesso. FS


Tagli, ritagli e frattaglie: svelato l'arcano della Caferri a New York e altre storie.

A pagina 3 Largo Fochetti si pavoneggia su una profezia di 40 giorni fa.



***

Frank racconta:
Zio Vittorio rimarrà negli Usa ancora per pochissimo. Si trova, infatti, sulla strada dell'ennesimo ritorno in Italia, ma prima dovrà trovare l'aereo con la tariffa più economica (come ha confessato stamattina nella sua rubrica su Radio Capital "Zucconi risponde"). Federico Rampini, invece, si trova già in Italia, vagabondando tra uno studio televisivo e l'altro, per il tour promozionale del suo ultimo libro (sulle banche). Avvistato dalla dolce Concita e da Sveva Sagramola, ma certamente mi sono perso altre presenze. Frank

Ecco spiegata la presenza a New York dell'inviata con le palle Francesca Caferri. FS

***

Neanche un rigo in Nazionale (solo una brevina nel dirsi milanese) sui funerali di Lisa Digrisolo, la modella investita dal treno della cui morte si era parlato molto, anche in prima pagina. Chissà se Concita De Gregorio era presente alla cerimonia.




***
Per la rubrica La maledizione delle didascalie, oggi segnaliamo un refuso di origine grafica a pag.4: quello spazietto che manca tra le parole ultima e consiliatura.




***

Nella stessa pagina, ci dà un fastidio feticista quella spalla di Virginia Raggi che va a coprire una seppur minima parte del titolo. Viva i pignoli.



***

Bella la storia che ci racconta Claudia Brunetto a pag. 23 sui bimbi di Bagheria che vanno a scuola a piedi. Siccome la storia è presente anche nel fogliettone in prima, la considerazione è la seguente: vuoi vedere che Marione si è accorto delle bellissime storie minime che campeggiano quotidianamente sulla prima della Stampa gestione Molinari, e voglia in qualche modo controbattere?




***

Un feticismo grafico a cavallo delle pagg. 14/15: chiediamo all'esperto MUDD di confermare se è o no la prima volta di una foto così stretta e lunga incastonata tra due pagine.




***

Intorno alle 12 di oggi, sembrava la Home Page della Repubblica di Pisa.



***

Un pezzullo a pag.21 ci ha ricordato la vicenda del cugino bergamasco di Mario Calabresi.
Vedremo se Largo Fochetti dedicherà agli sviluppi della vicenda lo stesso spazio dedicato al cugino.



***

Mica solo Repubblica celebra i trent'anni di Internet in Italia.
Lo fa anche La Stampa. Come ci racconta il direttore Maurizio Molinari nella sua newsletter mattutina.

Oggi festeggiamo i trent’anni dalla prima connessione dell’Italia alla rete Internet. Abbiamo preparato una pagina speciale con i protagonisti di tre decenni pieni di scoperte e ritrovato uno dei padri di quel primo collegamento.

E inoltre, Molinari ci svela di aver assoldato un editorialista d'eccezione:

Un apprezzato direttore di tg televisivi, Clemente Jacky Mimun, scrive per noi un imperdibile manuale di sopravvivenza per i futuri direttori di Tg1, Tg2 e Tg3.

Feticismi illustrati del venerdì: Sim Sala Bim e Tonia Mastrobuoni ritorna corrispondente.

In prima pagina torna l'EMerito Ezio Mauro. Eccheccazzo. Ma insieme a lui anche la palermitana Claudia Brunetto, su cui torneremo nella rubrica del pomeriggio Tagli, ritagli e frattaglie.

Tra colpi di scena elettorali e altro è inevitabile che lo sfoglio se lo prenda il Cacciucco Politico, con ben sei paginate belle unte. Ma gustose, soprattutto l'intervista alla grillina Virginia Raggi dell'ex Messaggero Stefano Cappellini, ora a capo della cronaca romana di Repubblica.


Ed ecco la doppia pagina più attesa del giorno: quella sugli jihadisti della Brianza. O dei brianzoli della Jihad, se preferite. 



Il fatto costringe il nordista (e vintagista) Paolo Berizzi ad abbandonare il Brennero per recarsi a Lecco. Lo aiuta, dalla redazione milanese di via Nervesa, Emilio Randacio, il quale cade in un refuso sul cognome di uno degli arrestati: Abderrahim Moutaharrik, che lui chiama venialmente Mutaharrik. Randacio non è nuovo ai refusi sui nomi, basta ricordare la sfilza di volta in cui è scivolato su quelli delle Olgettine, insieme a Colaprico.



Si tinge di sociale e di umanità il soggiorno di Francesca Caferri a New York che ci racconta la bella storia di Amariyanna Copeny, la bimba di otto anni che ha chiesto di incontrare Barack Obama.

Da un commento scopriamo che la Caferri è negli States per sostituire l'americano Federico Rampini in Italia per presentare il suo ultimo libro sulle banche.


Altri ritorni di giornata: il granata Marco Mathieu, il moscovita Nicola Lombardozzi e della barese Silvia Dipinto.

Sim Sala Bim. E come per magia la berlinese Tonia Mastrobuoni ritorna corrispondente.


Tutto l'inserto R2 è dedicato ai trent'anni di internet in Italia. Cinque interessanti pagine firmate da Riccardo Luna e Alessio Sgherza è arricchite dalle straordinarie illustrazioni di Pierluigi Longo e da una bella (come sempre) infografica di Paula Simonetti. Si, lei le firma le infografiche.




Sport: bella intervista di Emanuele Gamba a Paul Pogba.

La rubrica Libri di Sport oggi è firmata dal cestista Walter Fuochi.

Stefano Zaino è a Sochi, Russia, per la FormulaUno.

InstantRep: il giornale in 10 immagini (29-04-2016).










L'anagramma di Bartez: Guido Bertolaso.

Le vignette di oggi: c'è l'Altan di venerdì.