lunedì 25 luglio 2016

Sempre a proposito del ticket Repubblica-Espresso

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:


Caro Pazzo,
tempo fa ho chiesto alla sezione abbonamenti: 


"E cosa accadrà (per chi è abbonato) quando "l'Espresso" verrà abbinato in vendita obbligatoria a "la Repubblica" secondo anticipazioni di stampa?".

Finalmente è arrivata la risposta:
"Gentile Abbonato,
le ricordiamo che la vendita abbinata di Repubbica e L'Espresso in edicola durerà soltanto alcune settimane. Possiamo procedere a sospendere il suo abbonamento o in alternativa ad inserire delle proroghe in coda per farle recuperare le copie avute doppie".

Un tuo lettore abbonato.

Feticismi grafici

Cosa indica il dito di Lewis Hamilton?
Il suo primo posto. Casualità o volontà?


La maledizione delle brevine: chi lo dice ai bergamaschi?

Atalnta. E adesso chi lo dice ai bergamaschi?

Osservatorio Necrologi

I feticismi illustrati del giorno: testa a testa Saviano Belpoliti per la maglia prezzemolino

Un'altra esplosione in Baviera avvenuta, guarda caso, intorno alle 22, mette in subbuglio nuovamente la redazione Esteri di Largo Fochetti. La notizia si prende la fotonotizia (scusate il bisticcio) ma non l'apertura di sfoglio.

Che va, invece, alla convention repubblicana di Philadelphia. Una doppia di assaggio in vista del gran menù dei prossimi giorni.

A Philadelphia, al momento, ci sono solo due inviati republicones: Federico Rampini e Anna Lombardi. Quest'ultima prende presumibilmente il posto della collega Rosalba Castelletti, presente invece a Cleveland dai rivali repubblicani.



Maria Novella De Luca è andata a Castel San Pietro Terme (Bologna) per assistere al primo matrimonio tra donne. La notizia si prende una meritata doppia pagina. 


Roberto Saviano, tallonato da Marco Belpoliti che gli sta insidiando la maglia di prezzemolino, allunga il vantaggio sull'inseguitore con un pezzo sulla legalizzazione della cannabis.

Più avanti nello sfoglio gli risponde Belpoliti con il racconto del fotoreportage di R2.

Riecco Andrea Carugati, dopo il break domenicale.

Di Monaco di Baviera e dell'esplosione ad Ansbach si parla solo alle pagg. 12-13, dopo una mestolata unta di Cacciucco Politico, di cui ricorderemo gli indigesti stipendi dei dirigenti della Rai.

Straordinari per l'inviata Tonia Mastrobuoni, che firma due pezzi. Ciò significa che Giampaolo Cadalanu è già rientrato a Roma. Ma mai dire mai, con Largo Fochetti.


Secondo gettone consecutivo per il libanese Alberto Stabile, che dalla sua "redazione casalinga" ci racconta le nuovi stragi di Damasco e Aleppo.

Continua il ping-pong tra Europa e Sudamerica dell'americalatinista di Largo Fochetti Omero Ciai.
Oggi scrive da Caracas, Venezuela.


Del cacciatore di Pokemon Francesco Merlo, ne parleremo in un apposito post.

Così come dell'ultimo pezzo di Gianni Mura dal Tour. Sempre che ci sia da parlarne.

Osservatorio titoli creativi: FILMAURITO

Su segnalazione di @nonleggerlo

L'Altan di lunedì


InstantRep: il giornale in 10 immagini (25-07-2016)










La prima di oggi

Misteri dal Tour de France

Ieri, purtroppo, penultimo pezzo di Gianni Mura dalle strade del Tour de France.

Bello, come sempre. Ma contenente un mistero: parlando del vincitore di tappa, lo spagnolo Jan Izaguirre, Gianni scrive per tre volte Izagirre e per due Izaguirre (nella foto un paio di esempi contrastanti).

Chissà perché. Se lo incontriamo glielo chiediamo.

domenica 24 luglio 2016

L'omaggio di Bartez ad Attilio Giordano

Pubblichiamo con notevole ritardo (anche noi siamo umani e qui non si vede una lira) l'omaggio che Stefano Bartezzaghi, Bartez, ha dedicato al suo ex direttore Attilio Giordano nella bellissima rubrica Lessico e nuvole di due Venerdì fa.


Feticismi veloci domenicali: Monaco e Kabul, due stragi e due misure

La sparatoria di Monaco si prende il titolone in prima e le prime cinque pagine di apertura sfoglio.

Come anticipato ieri da PPR, la berlinese Tonia Mastrobuoni ha raggiunto la capitale della Baviera in compagnia del collega Giampaolo Cadalanu, arrivato da Roma.



Per la completezza dell'informazione, segnaliamo che il Corriere ha tre inviati a Monaco (Giusi Fasano, Andrea Galli e Davide Casati) mentre La Stampa ne ha due (Paolo Colonnello e Alessandro Alviani, quest'ultimo come collaboratore).

Colpisce la differenza di importanza tra questa strage e quella di Kabul: 9 morti contro 80 e 5 pagine contro 1. Curata dal libanese Alberto Stabile, in un articolo non datato e presumibilmente scritto da Beirut.


E il quinto giorno, Andrea Carugati si riposò.

Alberto Flores D'Arcais è rientrato a New York.

Straordinari per il londinese Enrico Franceschini: tre pezzi in tre diverse parti del giornale.

Straordinaria la pagina dei commenti, con la triade Scalfari, Serra, Audisio.

Sport: Marco Azzi butta giù tre bicchieri di vino e scrive il pezzo più difficile della sua storia di giornalista. Quello del passaggio di Higuain alla Juve.

È morto Tommaso Mola, il papà di Giancarlo. Che la terra gli sia lieve


Osservatorio errori (di riporto)

Clamoroso errore oggi nel pezzo di Emanuela Audisio su Gonzalo Higuain: a un certo punto scrive James LeBron, come se James fosse il nome. 

Ma conoscendola è probabile che l'errore sia di chi le ha passato il pezzo: è nella pagina degli editoriali e quindi il redattore non sapeva un accidenti di sport.

E quindi ha corretto quello che pensava fosse un errore.

Chissà come si è incazzata Emanuela.

Fabio P.





Osservatorio infografiche

Segnaliamo quella su Repubblica (rigorosamente non firmata) sulle vacanze in auto degli italiani e lo storyboard di Franco Portinari per il Corrierone che racconta la dinamica della sparatoria di Monaco.



Osservatorio Infografiche (degli altri)

Ci segnalano il Visual Data di questa settimana apparso su La Lettura (il settimanale culturale del Corriere) a cura di Federica Fragapane (www.benehance.net/federicafragapane) con un articolo di Francesco Piccolo che a un certo punto dice: "Ecco, forse la letteratura è questo: farti venire una voglia irresistibile di mangiare fagioli anche se i fagioli non ti piacciono. E se ami la letteratura, devi crederci a quella voglia irresistibile, ma non fino al punto da andare a casa e mangiare realmente fagioli".

Chi ce lo segnala, ci ha inviato anche la foto precisando che: "Sappi che ho tagliato in due la pagina, che volevo conservare intera, solo per scannerizzartela".

In sostanza si tratta di un angelo caduto sulla terra.